© 2018 by HJM & Co.

Hitch Academy

è l' accademia italiana che ti aiuta a trovare il tuo modo di approcciare all’altro sesso! 
Scoprirai come diventare l’uomo perfetto studiando comportamenti, trucchi estetici e stile. 

follow US

Coaching che cos'e'

... e perché può essere utile

Definiamo il coaching un percorso di cambiamento.

Molti si concentrano sul descrivere come si svolge, altri affermano che si tratti di una formazione personalizzata, la stessa ICF la definisce una partnership tra coach e persona. Tutto vero, ma stiamo parlando di -come- si realizza, non di -cosa sia-. 
Per cui dalla nostra esperienza parliamo di un percorso di cambiamento che la persona vive, grazie all’accompagnamento di un coach, un esperto in grado di allenarla, stimolarla e guidarla senza mai sostituirsi all’operare dell’altro.
Il coach allena, ma poi la partita la giochi tu!

 

Perché funziona anche in Hitch Academy?

Nel contesto della nostra attività, finalizzata all’acquisizione di comportamenti efficaci nell’approccio con l’altro sesso, il coaching preferiamo definirlo un “accompagnamento al cambiamento”​.
In questo caso infatti noi non dobbiamo formare, ma facilitare il cambiamento, calibrando le azioni da persona a persona. Ognuno di noi ha obiettivi diversi, tempi di maturazione diversi, approccio diverso, capacità intellettive ed emotive diverse e questo va rispettato.
Pur conoscendo bene la strategia da attuare, bisogna mettersi in ascolto e capire cosa l'altro sta comunicando. Ognuno matura il cambiamento con i propri metodi e con i propri tempi. 
Il coach è un facilitatore che conosce le dinamiche umane e, senza presunzione di sapere, aiuta chi ha di fronte ad esprimere il proprio potenziale.

Quando è il momento di cambiare e in che modo il coaching può aiutare?

Molte persone che aderiscono al coaching, lo fanno perché sentono di essere "bloccate" ed in difficoltà nel raggiungere gli obiettivi o definirli, in qualsiasi ambito.
Per questo può essere utile anche quando si ha bisogno di migliorare le proprie relazioni interpersonali, in quanto vai a lavorare sugli aspetti che ti frenano, senza rinunciare alla tua personalità, ma mettendone in luce gli aspetti positivi.
La vera essenza del coaching è aiutare l'altro senza demolire il suo modo di vedere le cose. Per questo, uno degli approcci che consigliamo è un modello che si chiama A.C.T. e che è ben riassunto nel libro di Russ Harris "La trappola della felicità",  che ci ha permesso di avviare e gestire processi di cambiamento che la persona ha deciso di affrontare durante le sessioni di coaching.

Iniziare il coaching, solo dopo averlo provato!

Le persone che arrivano al coaching sono spinte a cambiare da motivi personali oppure da necessità organizzative.
Un po' come nello sport, un bravo allenatore accompagna nel percorso di miglioramento i giocatori che vogliono realmente migliorare. 
Per questo anche nella nostra Accademia svolgiamo un corso preliminare tra i coach e i potenziali coachee (gli allievi) al fine di fornire tutti gli elementi chiave per decidere se ha senso o meno cominciare. 


Trovi tutti i dettagli nella sezione dedicata ai corsi.